AVETE MAI SENTITO PARLARE DI KOMBUCHA? ECCO PERCHÉ DOVREBBE INTERESSARVI



Cos'è il Kombucha?

Il the kombucha è stato anche soprannominato elisir, the dell'immortalità o nettare degli dei. È una bevanda di origine orientale, giunta in Europa e in America dalla Cina e dalla Russia. Questo the veniva consumato in Cina fin dal 250 A. C.. Oggi, alcuni lo bevono tutti I giorni, per altri è un'opzione saltuaria, moltissimi non ne hanno mai sentito parlare. In America spopola da una decina d'anni, e sta piano piano arrivando anche in Europa. Ma cos'è esattamente?

Spiegato in modo semplice, il kombucha è un the fermentato leggermente frizzante, ottenuto dall'unione di semplice the nero zuccherato con una sostanza chiamata SCOBY, una coltura di batteri e lieviti. (Symbiotic colony of bacteria and yeast – parleremo anche di questo).

Il risultato è una bevanda deliziosa, a volte un po' dolce, a volte pungente, che ci fa sentire benissimo. Perché? Il kombucha è famoso nel mondo per i suoi benefici. È una risorsa naturale di energia ed è pieno di probiotici, vitamina B, C, antiossidanti, amminoacidi ed enzimi digestivi. In parole povere, aiuta l'equilibrio intestinale e la salute di tutto il corpo.

In Italia se ne sente parlare ancora molto poco, ma molti negozi e supermercati in giro per il mondo ne contengono un'enorme varietà, infatti questa bevanda può essere declinata in diversi sapori (zenzero, mirtilli, limone, fragola, mango e moltissimi altri). I cibi fermentati, come anche crauti, sottaceti, kimchi, sono pieni di vitamine e batteri buoni che contribuiscono alla salute intestinale.

L'origine del Kombucha

Il Kombucha è una bevanda antichissima, per molto tempo consumata in Cina e Giappone a causa delle sue proprietà benefiche. Oggi, aziende di ogni grandezza producono Kombucha, in un'enorme varietà di sapori e caratteristiche. La tradizione narra che fu inventato durante il regno dell'imperatore

Qin Shi Huang, che governò la Cina dal 220 to 210 a.C.,e che al tempo questa bevanda venisse chiamata "il the dell'immortalità". L'etimologia del termine Kombucha è incerta, in tutto il mondo vi sono addirittura 80 nomi diversi che lo definiscono. La versione più accreditata è quella di un medico coreano chiamato Kombo, che nel 414 d.C la portò all'imperatore giapponese Ingyō: l'imperatore portava la bevanda con sé persino in battaglia, poiché era certo che questa gli donasse più energia. Dal nome del coreano Kombo, unito alla parola Cha (termine cinese per the), potrebbe derivare la parola Kombucha.

Per farla breve: ecco i benefici del Kombucha

___ è un potente antinfiammatorio

___ è una fonte di batteri che aiutano l'equilibrio intestinale

___ contiene antiossidanti che contrastano i radicali liberi

___ paradossalmente, ha proprietà antibatteriche - che contrastano specialmente i batteri della candida

___ aiuta a prevenire l'ossidazione del colesterolo LDL

___ aiuta il sistema imunitario

___ aiuta a controllare la fame

___ sostituisce bevande molto meno salutari

___ è una bevanda alcalinizzante

___ accelera il metabolismo

___ aiuta contro mal di testa ed emicranie

Come si prepara?

Lo SCOBY, chiamato anche pellicola o matrice batterica, descritto erroneamente come un fungo, è la chiave per creare il Kombucha. Si tratta di uno strato bianco, non bello a vedersi, ma che rappresenta la ragione per cui del semplice the zuccherato acquisisce questo particolare sapore e diventa frizzante: questa pellicola, costituita da batteri buoni (Gluconacetobacter, Acetobacter, Lactobacillus, Zygosaccharomyces) una volta inserita all'interno del contenitore (in vetro), si moltiplica: durante la fermentazione i batteri mangiano lo zucchero e crescono fino a coprire sulla superficie il the che si trova all'interno del contenitore.