ALIMENTAZIONE CRUDISTA: I PRO E I CONTRO



L'alimentazione crudista, e qui parleremo di crudisimo vegano, è un regime alimentare in cui si consumano alimenti non cotti, al fine di preservarne interamente le caratteristiche nutrizionali. La temperatura massima a cui vengono sottoposti gli alimenti è di 115° gradi Farenheit, ovvero circa 46° gradi Celsius.

Questo poiché, sopra a queste temperature, gli alimenti perdono grandissima parte delle loro qualità nutrizionali, enzimi e vitamine. Il fine è proprio quello di mangiare alimenti vivi: si parla di frutta, verdura, noci, semi oleosi. Non si usano pentole e padelle, ma sono molto utilizzati frullatori, essiccatori, germogliatori. Le tecniche per "alterare" gli alimenti e permetterne un maggiore utilizzo in termini culinari sono appunto l'essiccazione, la fermentazione, la marinatura. Sicuramente è un tipo di alimentazione molto particolare e, se abbracciata completamente, drastica: vediamo quali sono i pro e i contro per fare un po' di chiarezza.

PRO

1. POCHISSIME TOSSINE & BENEFICI PER LA PELLE Questo tipo di alimentazione consente di apportare all'interno del nostro corpo un bassissimo contenuto di tossine, e anche un elevato apporto di antiossidanti. La pelle é l'organo che consente l'eliminazione di tossine, attraverso i pori. Grazie a una dieta vegana e crudista il corpo ha meno tossine da eliminare, perciò i vasi sanguigni rimangono piú puliti. In questo modo la pelle risulterá piú morbida e radiosa. Il colore della pelle e la sua luminosità è intimamente connesso alla salute del corpo. Un corpo più pulito all’interno lo è anche all’esterno!

2. ENERGIA

Il corpo non deve costantemente impiegare la sua energia nella digestione di cibi pesanti e nell’eliminazione di una quantità eccessiva di tossine esogene (provenienti da fattori esterni al corpo umano). Frutta e verdura fresca, mangiati nel loro intero, da soli, o in buona combinazione alimentare, sono gli alimenti piú facilmente digeribili per il corpo umano. Questo significa che è comune percepire un'enorme carica di energia.

3. MIGLIORA LA DIGESTIONE E L'ASSIMILAZIONE DEI NUTRIENTI

Le pareti dell’intestino possono indurirsi (diventare meno permeabili) quando si mantengono cattive abitudini alimentari e consumano condimenti pesanti, sale e spezie forti per molti anni. Questo processo (l’indurimento) protegge il corpo dal cibo tossico, ma allo stesso tempo rende ancora più difficile per il vostro corpo assimilare le sostanze nutritive essenziali. L’uso parsimonioso dei condimenti e delle spezie forti, particolare di una dieta vegana, crudista e igienista, non indurisce il sistema, non provoca muco e agevola invece il processo digestivo del vostro corpo, migliorando l’assorbimento delle sostanze nutritive e la flora batterica intestinale. Otterrete cosí maggiore nutrizione dal cibo che ingerite!

4. IMPATTO AMBIENTALE

La dieta crudista permette di limitare drasticamente l'uso di gas e corrente elettrica. Inoltre, la dieta vegana in generale contribuisce alla diminuzione dell'emissione di CO2, in gran parte causata dagli allevamenti animali.

5. DOPO I DISTURBI ALIMENTARI

Se si riscontra una certa debolezza dell'apparato digerente o si ha un rapporto conflittuale con il cibo (disturbi come anoressia, bulimia), questo tipo di alimentazione consente un riavvicinamento al cibo in modo sano e naturale, limitando i sensi di colpa spesso connessi al cibo poco salutare.

CONTRO

1. DISTURBI INTESTINALI

Nell'intraprendere la scelta crudista vuole gradualità: il corpo, soprattutto all'inizio, potrebbe avvertire qualche fastidio dovuto a questa transizione. Se si ha la tendenza a soffrire di colite è bene seguire la dieta crudista con cautela, dal momento che si prevede un largo concusmo di frutta e verdura di stagione. In ogni caso, MAI intraprendere questa scelta senza prima essersi bene informati e aver parlato con un medico specialista.

2. ATTENZIONE AI BATTERI

Dal punto di vista igienico, la dieta crudista potrebbe generare problemi se si fa poca attenzione. La presenza di parassiti, delle muffe e dei batteri negli alimenti è un'incognita da non sottovalutare. Per questo è consigliabile di consumare crudi solo alimenti freschissimi e di cui si conosce la provenienza.

3. CARENZE ALIMENTARI

Il crudissimo vegano è consigliabile per brevi periodi, ma nel lungo termine diventa una scelta complicata da mantenere in quanto questa scelta rende difficile il raggiungimento di un corretto bilancio proteico.

#blog #mangiare

 

 

CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL: