CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL:

Risotto con zucca e castagne



Questa ricetta è la regina dell'autunno e dell'inverno. Il risotto alla zucca e castagne ha tra i suoi ingredienti due tra i prodotti più tipici e gustosi di queste stagioni.


La zucca e le castagne riscaldano la stagione con i loro sapori e colori, permettendoci di creare dei magnifici piatti meravigliosi alla vista e deliziosi al palato.


Anche questa volta ho scelto di utilizzare la zucca mantovana, che trovo molto più saporita e gustosa della classica zucca gialla, e ne ho usato una quantità abbondante, come mio solito, così che questo risotto risultasse molto cremoso e non necessitasse di mantecatura.

Infatti, alla fine, non aggiungeremo né burro né altri ingredienti per sostituirlo: la cremosi della zucca farà da sé.


Ah. Se volete preparare il risotto in anticipo, potete farlo: basta stopparlo a 5 minuti dalla fine della cottura, conservarlo coperto in frigorifero, e riprendere la cottura poco prima di servirlo, continuando a cuocerlo normalmente con del brodo caldo, mescolandolo finche la cottura non sarà ultimata.


Ecco come preparare il risotto zucca e castagne:



INGREDIENTI del risotto zucca e castagne

Per 4-6 persone:


  • Mezza zucca mantovana

  • 400g di riso Carnaroli

  • 280g castagne già cotte

  • 2l brodo vegetale

  • Mezza cipolla dorata

  • 3 cucchiai di lievito alimentare

  • Mezzo cucchiaio di vino bianco

  • Rosmarino

  • Olio extravergine d'oliva

  • Sale



Facoltativo:



RICETTA del risotto zucca e castagne


Per prima cosa dovremo cuocere la zucca: io questa volta ho deciso di prepararla al forno, per avere un gusto più intenso. Tagliate mezza zucca mantovana a fettine, stendetela su una teglia ricoperta di carta da forno, e conditela con sale, olio e rosmarino. Infornatela per 30 minuti a 220 gradi, in forno statico. Una volta cotta, estraetele e lasciatela raffreddare, poi togliete le bucce e mettetela in una ciotola dove la passerete con un frullatore a immersione per renderla liscissima.


Ora, il risotto. In una pentola o padella dai bordi alti, fate rosolare mezza cipolla dorata con un filo d’olio. Aggiungete il riso, 400g circa, e fatelo tostare per un paio di minuti. La tostatura permetterà al riso di rilasciare l’amido lentamente, quindi di darci un risultato finale più cremoso, e di cuocersi in maniera più uniforme.

Finita la tostatura, sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e poi cominciate la classica cottura da risotto, aggiungendo un mestolo di brodo alla volta.

A metà cottura aggiungete la purea di zucca ottenuta.


Mentre il risotto continua la sua cottura, tagliate 280g di castagne già cotte e aggiungetele al risotto, che sarà quasi alla fine della sua cottura.

Ah. Se volete preparare il risotto in anticipo, potete farlo: basta stopparlo a 5 minuti dalla fine della cottura, conservarlo coperto in frigorifero, e riprendere la cottura poco prima di servirlo, continuando a cuocerlo normalmente con del brodo caldo, mescolandolo finche la cottura non sarà ultimata.


Mescolate ancora un po’, assaggiate, e regolate di sale, dopodiché aggiungete due o tre cucchiai di lievito alimentare, che darà al vostro risotto un sapore che ricorda il formaggio.


E siamo pronti per impiattare!

Sopra al mio risotto io ho aggiunto dei pezzetti di cranberry, ovvero i mirtilli rossi, che provate per credere, ci stanno davvero benissimo. E poi ho aggiunto anche un pochino della mia ricotta, quella rimasta dopo aver preparato l’antipasto. Non è obbligatoria ma si abbina bene al risotto. (qui la ricetta: https://www.cucinabotanica.com/post/formaggio-spalmabile-di-tofu)