CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL:

Risotto al radicchio di Treviso con pere e yogurt



Il risotto al radicchio rosso di Treviso e pere è un primo piatto gustoso e allo stesso tempo delicato, estremamente semplice da realizzare. Si tratta di una ricetta già di per sé vegetariana, che oggi andremo a realizzare nella sua versione vegana. Il risotto al radicchio è tipico dell'autunno e dell'inverno: le stagioni, appunto, del radicchio. Per realizzarlo, si può utilizzare qualsiasi tipologia di questo vegetale, ma io vi consiglio il radicchio rosso di Treviso, la tipologia più buona, a mio parere. Questo risotto, grazie al suo sapore intenso, leggermente amaro, ma allo stesso tempo dolce delicato, grazie alla presenza delle pere, è adatto a tutte le occasioni, dalla cena romantica, a quella con gli amici, al pasto in famiglia.

Vediamo subito come prepararlo.




INGREDIENTI

Per 2 persone:


  • 150g riso Carnaroli

  • 2-3 cespi di radicchio di treviso

  • 2 cucchiai di lievito alimentare (sostituto vegano del formaggio)

  • Brodo vegetale qb

  • 1 piccola cipolla

  • 1 pera kaiser

  • Mezzo bicchiere di vino bianco

  • Sale qb

  • Olio extravergine d'oliva

  • 30g noci tritate





PROCEDIMENTO


Per prima cosa, mettete sul fuoco una pentola con del brodo vegetale o dell'acqua, e portate a bollore. Portatevi avanti con i tagli: sbucciate e tagliate a cubetti una pera kaiser, tritate una piccola cipolla e tagliate a fettine 2-3 cespi di radicchio di Treviso. Quando tagliate questi ultimi, separate la parte più tenera e scura, quella delle punte per intenderci, dalla parte più chiara e croccante. Questo perché le unirete al risotto in due momenti diversi.


Ora, possiamo partire: scaldate un filo d’olio extravergine in una pentola, e aggiungetevi la cipolla, facendola rosolare un paio di minuti. Unite poi il riso carnaroli, facendolo tostare un paio di minuti.

Sfumate con del vino bianco e una volta evaporato, ho iniziato la cottura con il brodo vegetale.


Unite subito anche le pere a cubetti, perché avranno bisogno di diventare molto morbide, e salate direttamente in pentola - a meno che il vostro brodo non sia già salato. In questo caso, non aggiungete sale e aspettate la fine per regolare.


A metà cottura, aggiungete la parte di radicchio più chiaro e croccante, e continuate sempre mescolando e aggiungendo brodo.

A cottura quasi ultimata, unite l’altra parte di radicchio, quella più scura e tenera, poi aggiungete due cucchiai di lievito alimentare, che nella cucina vegana serve a dare un sapore simile a quello del parmigiano.


Infine, mantecate con dello yogurt di soia: ne serviranno circa 2 o 3 cucchiai. Ovviamente, scegliete quello neutro, senza zucchero né aromi. Si trova facilmente in quasi tutti i supermercati.

Questo abbinamento con lo yogurt è magico, provate per credere! E renderà il vostro risotto molto cremoso, senza appesantirlo.


A questo punto potete impiattare: decorate ogni piatto con un po’ di noci tritate, ottime da abbinare al radicchio, Ed ecco qui il nostro piatto di risotto al radicchio e pere. Un piatto semplicissimo, ma davvero d’effetto.