CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL:

Polpette di lenticchie al sugo




Le polpette di lenticchie al sugo sono una ricetta sana, buonissima e leggera, a base di uno dei legumi più gustosi e italiani che ci siano: le lenticchie.

Oltre ad essere molto buono, questo legume è ricchissimo di proprietà nutritive importanti e contiene una buona quantità di proteine vegetali. Inoltre, le lenticchie sono anche ricche di fibre, vitamine, ferro e non presentano grassi saturi.

Impiegarle per preparare queste polpette significa ottenere un'ottima alternativa vegana (e molto più sana e leggera!) a uno dei piatti più conosciuti e amati della cucina italiana.


Potete acquistare le vostre lenticchie in vasetto di vetro, in lattina (quindi già pronte) o anche cuocerle direttamente a casa, partendo dal legume secco. Quest'ultimo metodo richiederà più tempo per la preparazione, ma la soddisfazione che ne avrete in cambio sarà elevatissima.


Vediamo subito come preparare queste deliziose polpette di lenticchie al sugo.


INGREDIENTI PER LE POLPETTE

Si ottengono circa 20 polpette


  • 300g lenticchie già cotte

  • mezza cipolla dorata

  • 10 pomodorini secchi (o 3/4 pomodori secchi)

  • un cucchiaio (abbondante) di salsa di soia

  • 1 spicchio d'aglio

  • 2 cucchiai di olio evo

  • 1 pizzico di sale

  • Pepe nero qb

  • 1 cucchiaino di timo

  • Se necessario: poca acqua


INGREDIENTI PER IL SUGO

Per 4 porzioni circa


  • Olio evo qb

  • Mezza cipolla dorata

  • 1 pizzico di sale

  • 700ml passata di pomodoro

  • Basilico a volontà




PREPARAZIONE


Partiamo versando in un mixer 300g di lenticchie già cotte: quelle del barattolo, scolate e sciacquate, andranno benissimo, ma se preferite cuocerle voi, ben venga.

Aggiungiamo mezza cipolla tritata: va benissimo qualsiasi cipolla, io ho usato quella dorata.

Poi, per dare un sapore ancora più buono, uniamo anche una decina di pomodorini secchi, possibilmente prima fateli ammorbidire in acqua per qualche minuto. E se avete solo i pomodori secchi normali, un po’ più grandi, usatene 3 o 4. Ora: il nostro ingrediente segreto è un cucchiaio abbondante di salsa di soia: questa darà alle polpette quella marcia in più, facendoci ottenere un sapore davvero buonissimo. Aggiungiamo anche uno spicchio d’aglio, due cucchiai di olio d’oliva, un pizzico di sale, anche due, e se volete, una macinata di pepe nero.

In ultimo, del timo: fresco o secco poco importa, ma anche lui dà un sapore buonissimo.


Ora possiamo iniziare a tritare. Andiamo avanti finche la consistenza non sarà piuttosto liscia, fermandoci per ripulire i bordi, se necessario. Se non riuscite a tritare, significa che dovete aggiungere un goccio d’acqua. Non esagerate mi raccomando.


Una volta terminato, dovreste ottenere una consistenza abbastanza fluida, che in qualche modo dobbiamo rassodare per poter creare le polpette: per farlo, useremo del pangrattato: 5-6 cucchiai dovrebbero essere sufficienti. Aggiungetelo piano piano, mescolando, e appena riuscite a formare delle palline, smettete di aggiungerne.

Se per caso ne aggiungete troppo e le palline si sgretolano, vi basterà bagnare nuovamente l’impasto con un po’ d’acqua.


Man mano che le polpette sono pronte, appoggiatele su una teglia ricoperta di carta da forno.

Prima di infornarle potete condirle con un po’ d’olio, e poi cuocetele a 220 gradi per 20-25 minuti, girandole a metà cottura.


Mentre cuociono, prepariamo il sugo: oggi ho per voi una ricetta semplicissima e rapida.

In una pentola versate un filo d’olio e mezza cipolla tagliata a pezzetti. Se avete un mix per soffritto, ancora meglio. Una volta che la cipolla si è dorata, aggiungete 700 ml di passata di pomodoro, abbassate la fiamma e copritela con il coperchio, cuocendo per 20 minuti e mescolando di tanto in tanto.


Una volta finita la cottura del sugo, probabilmente saranno pronte anche le polpette. Le togliamo dal forno, Le lasciamo raffreddare un attimo, perché saranno un po’ fragili all’inizio, e poi le uniamo nella pentola del sugo. Ed ecco qui un piatto buonissimo che è anche un ottimo metodo per consumare più legumi se non siete già abituati a farlo.


CONSERVAZIONE


Questo piatto si può anche congelare: a questo proposito, meglio se congelate sugo e lenticchie separatamente. In frigo invece, dureranno fino a 4 giorni in un contenitore ermetico.