CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL:

Pesto Vegano - Senza Formaggio




Si dice che un ottimo pesto potrebbe non aver bisogno di parmigiano o pecorino. Se siete intolleranti ai latticini o se non volete consumare prodotti di origine animale, il pesto vegan è la soluzione ideale per condire la vostra pasta o le vostre bruschette. È semplicissimo da preparare in casa, è sufficiente avere un mortaio, ma vanno benissimo anche mixer, un tritatutto o un semplice frullatore.


Pesto vegan

Formaggio a parte, la ricetta storica del pesto genovese prevede basilico, pinoli, olio extra vergine e aglio – che in questa ricetta restano invariati. A voi la scelta se usare il mortaio, come da antica tradizione, o il frullatore. In quest’ultimo caso vi consiglio di utilizzare ingredienti più freddi possibile, idealmente appena tirati fuori dal frigo: il freddo aiuterà a preservare il colore del basilico. Non lavate il basilico sotto acqua corrente, ma limitatevi a pulirlo con carta da cucina inumidita appena.



Pesto vegan: il lievito alimentare usato al posto del formaggio

Attenzione: il lievito alimentare in scaglie non è un normale lievito, come quello di birra o per dolci, che si usano per pane, pizze e torte, ma si tratta di una particolare lavorazione del lievito di birra, che conserva tutte le sue proprietà nutrizionali ma che non lo rende più in grado di "far crescere" i composti dentro ai quali viene aggiunto. Per il suo odore intenso e il sapore che ricorda vagamente il parmigiano, il lievito alimentare viene spesso utilizzato per sostituire il formaggio grattugiato sia da vegani che da intolleranti ai latticini.


Questo ingrediente fa anche molto bene all’organismo, essendo fonte di proteine, vitamine del gruppo B (ma non la B12, attenzione!), fibre e ferro. La ricetta del pesto vegan con lievito alimentare prevede di frullare, o pestare, 50 grammi di basilico con un pizzico di sale, 30 grammi di pinoli, uno spicchio d’aglio (sempre meglio eliminare il germoglio interno) e un filo d’olio. Trucco magico: il cubetto di ghiaccio. Vi aiuterà a mantenere il pesto di un bel colore verde brillante, aumentandone la cremosità. Se frullate, ricordatevi di frullare a impulsi, interrompendo l’azione ogni qualche secondo, per non surriscaldare troppo il pesto.







INGREDIENTI

PER 4 persone


30 g pinoli

50 g basilico

2-4 cucchiai d'olio

1 cucchiaio di lievito alimentare

1 cubetto di ghiaccio

Mezzo spicchio d'aglio

Sale



Pestate o tritate 30 g di pinoli fino a farli diventare quasi una polvere. Aggiungete 50 g di basilico, un cucchiaio di lievito alimentare, sale, aglio e due cucchiai d’olio.

Tritate ancora, e se volete un trucco fantastico per avere un pesto verdissimo e cremoso, potete aggiungere un cubetto di ghiaccio e tritare anche quello. Lo shock termico renderà il vostro pesto di un colore verde intenso. Versate il pesto in una ciotola e conservatelo in frigorifero, coperto con della pellicola o chiuso in un contenitore ermetico. In questo modo, si conserverà per 3-4 giorni.

In alternativa, potete congelarlo e, al momento dell'utilizzo, lasciarlo scongelare naturalmente. Dipendendo dalla temperatura, serviranno dalle 2 alle 4 ore.