CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL:

Lasagne vegane con radicchio, funghi e noci



Le lasagne con funghi, radicchio e noci sono un primo piatto vegano dal gusto intenso e appetitoso. I sapori decisi del radicchio e dei funghi, uniti alla cremosità della besciamella alla croccantezza delle noci, fanno nascere un piatto memorabile e gustoso, che sicuramente saprà piacevolmente conquistare i palati dei vostri invitati.


Per chi non segue questo tipo di alimentazione, a volte è difficile immaginare che nella cucina vegana ci sia così tanto spazio per piatti gustosi e succulenti, proprio come queste lasagne: li stupirete senza dubbio. Chi le ha assaggiate, tra i miei amici e parenti, spesso non credeva alle proprie orecchie quando svelavo che il piatto era interamente vegetale!


Potete stare tranquilli, con questo piatto non si sentirà la mancanza di altro: gli ingredienti di qualità che faranno parte del ripieno parleranno da soli.


Vediamo subito come preparare queste lasagne con funghi, radicchio e noci.




INGREDIENTI per le lasagne:

per 4-6 persone


  • 12-15 sfoglie di pasta per lasagne (senza uova)

  • 1 cespo di radicchio

  • 400-500g di funghi a scelta (io ho usato i cardoncelli e i pletorius)

  • 120g noci

  • 1 spicchio d'aglio

  • Mezza cipolla dorata

  • Sale

  • Olio


Per la besciamella:

  • 1l latte di soia o di avena (senza zucchero né aromi, mi raccomando!)

  • 120g farina 0

  • 80g olio extravergine di oliva

  • 3 cucchiai di lievito alimentare in scaglie

  • Sale




RICETTA delle lasagne con funghi, radicchio e noci


Cominciate tagliando i funghi, che possono essere quelli che preferite, anche un mix, a strisce sottili. Preparate una padella con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio, versateli al suo interno e fateli cuocere per 10 minuti mescolando costantemente. Per aiutarmi con la cottura, io li salo subito, così l’acqua al loro interno uscirà molto più velocemente. Regolate sempre di sale alla fine, e se volete potete sostituire il sale con un cucchiaio di salsa di soia, che si abbina perfettamente a tutti i funghi.


Ora, tagliate un cespo di radicchio e cuocetelo, sempre in padella, con un soffritto fatto con mezza cipolla dorata. Anche qui, salate subito e mescolate costantemente finché non sarà del tutto ammorbidito. Se necessario, regolate di sale a fine cottura.


Ora prepariamo la besciamella: è davvero semplicissima, in 10 minuti sarà pronta. Versiate 80g di olio extravergine in un pentolino, unite 120g di farina 0 e mescolate su fuoco medio finché i due ingredienti non si saranno amalgamati. Versate 1 litro di latte di avena o di soia, senza zucchero mi raccomando, e portate a bollore continuando sempre a mescolare. Una volta che il composto bolle, abbassate la fiamma e mescolate ancora per un paio minuti.

Spegnete e aggiungete 1 cucchiaino di sale e un pizzico di noce moscata. Io aggiungo sempre 2 o 3 cucchiai di lievito alimentare per dare, anche qui, un sapore simile al formaggio. Potete metterlo nella besciamella come faccio io o tra uno strato e l’altro delle lasagne, come preferite.


Cominciate la composizione delle lasagne mettendo della besciamella sul fondo, la pasta senza uovo (che potete trovare facilmente in quasi tutti i supermercati), i funghi, il radicchio e una spolverata di noci tritate grossolanamente. E poi aggiungete altra besciamella, ricominciando da capo con un nuovo giro.


Io ho fatto 4 strati di pasta, in totale. Sull’ultimo strato ho messo semplicemente la besciamella rimasta, del pangrattato, che mi piace molto sopra le lasagne, ma che non è obbligatorio, e ancora noci.


Ho infornato le lasagne per mezz’ora in forno statico a 180 gradi, e alla fine erano cotte alla perfezione e deliziose. Volendo, potete cuocerle prima, lasciandole un po’ indietro, e scaldarle per 10 minuti prima di servirle.


CONSERVAZIONE


Queste lasagne si possono congelare (nel freezer durano fino a 3 mesi). In frigorifero si conservano fino a 3 giorni all'interno di un contenitore ermetico.