Hummus alla Barbabietola e Cavolo Romano al Forno



L'hummus alla barbabietola è una crema a base di ceci e rape rosse molto facile e veloce da preparare. E’ un'alternativa gustosa e colorata dell'humus classico, tipica salsa mediorientale che sta diventando sempre più diffusa nel resto del mondo. È ottimo come antipasto, da spalmare su pane e crostini, ma può essere anche una deliziosa componente di un secondo, come in questo caso. Abbiamo infatti deciso di abbinarlo al cavolo romano, cotto al forno, e a dei cracker con i semi. Il risultato è un piatto gustoso, particolare e delicato.

Vediamo subito come prepararlo.



INGREDIENTI:

Per 2 persone



  • Mezzo cavolo romano

  • 250g di ceci già cotti (quelli del barattolo, scolati e sciacquati andranno benissimo)

  • 2 piccole barbabietole già cotte

  • succo di un lime

  • Olio evo qb

  • 2 cucchiai tahina

  • 1 spicchio d'aglio

  • Sale qb

  • Acqua qb ( mezzo bicchiere scarso)

  • Pepe nero



PROCEDIMENTO


Per prima cosa, tagliate un cavolo romano e rendetelo tante piccole cimette, che per un effetto scenico potete anche tagliare a metà. La sezione di questo ortaggio, infatti, è davvero bellissima. A questo punto potete trasferire tutte le cimette in una teglia ricoperta con carta da forno, e condirle direttamente qui con sale e olio. Infornatele in forno statico a 220 gradi per 25-30 minuti, o comunque finché le punte non diventeranno belle dorate.


Nel frattempo, mentre aspettate, potete preparare l’hummus alla barbabietola: versate nel mixer 250g di ceci già cotti, quelli del barattolo, scolati e sciacquati andranno benissimo.

Aggiungete poi due piccole barbabietole, anche queste già cotte, tagliate a pezzetti.

Io faccio coming out: vi confesso che odio cuocere le barbabietole, perché sporco sempre tutto ed è difficilissimo pulire, e quindi ho preso quelle già cotte al vapore, che si trovano un po’ in tutti i supermercati.

Aggiungete il succo di un lime, due cucchiai di olio extravergine e due cucchiai di tahina, la crema di semi di sesamo che fa parte dell’hummus tradizionale. Questa si trova nei negoziati orientali o nei supermercati biologici. Unite anche uno spicchio d’aglio, se lo volete, del sale, un goccio d’acqua, e cominciate a tritare o frullare tutto. Se volete ottenere un risultato liscissimo vi consiglio di usare il frullatore. Se vi piace un humus leggermente granuloso, invece, il mixer andrà benissimo.


Ora, il cavolo è pronto, lo tiriamo fuori dal forno e impiattiamo. Siamo pronti. Mettiamo due cucchiai di hummus alla barbabietola in ogni piatto, e aggiungiamo 4 o 5 punte di cavolo romano. Io ho aggiunto anche qualche seme di sesamo sull'hummus, e per completare ho aggiunto anche dei cracker con i semi, comprati dal panettiere, che secondo me stanno benissimo con questo piatto e sono anche utili per mangiare l’hummus.


Ed ecco qui, il piatto è terminato. Questo piatto è anche molto comodo perché potete preparare sia l’humus che il cavolo in anticipo, e ripassare quest’ultimo nel forno poco prima di servire.



CONSERVAZIONE

L'hummus si conserva fino a 4-5 giorni in frigorifero, all'interno di un contenitore ermetico. Si può anche congelare.

Il cavolo si conserva per un massimo di 3-4 giorni, all'interno del frigorifero e conservato in un contenitore, ed è sconsigliata la congelazione.



 

 

CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL: