GNOCCHI ALLA SORRENTINA | Ricetta Vegan, senza formaggio | Facile e buonissima


Oggi prepariamo gli gnocchi alla Sorrentina, un amatissimo primo piatto di origine campana, famoso in tutto il mondo, che fa impazzire adulti e bambini. Nella ricetta tradizionale vengono utilizzati mozzarella e parmigiano grattugiato, ma in questa versione li sostituiremo con prodotti vegani.


Preparare gli gnocchi da zero è senza dubbio molto consigliato: vi farà tornare a mente le domeniche passate in compagnia delle nonne, a cercare di capire quali fossero i segreti per ottenere dei sapori così deliziosi e delle consistenze così perfette.

Qui sotto vi svelo i miei trucchi, imparati dal mio mitico Nonno Alberto, grande amante degli gnocchi.




INGREDIENTI

GNOCCHI

  • 1kg di patate - meglio se un po' invecchiate

  • 300g di farina 0 (o farina 1)

  • 1 cucchiaio di sale fino

SUGO

  • un filo d'olio

  • uno spicchio d'aglio

  • 700ml passata di pomodoro

  • Sale qb

  • Qualche foglia di basilico



"FORMAGGI"

  • 250-300g mozzarella vegana

  • 1manciata di anacardi

  • 1 manciata mandorle pelate

  • 3 cucchiai lievito alimentare

  • 1 pizzico di sale




PROCEDIMENTO


Per prima cosa, prepariamo il sugo, che è davvero semplicissimo:

in una pentola facciamo scaldare un filo d’olio con uno spicchio d’aglio, aggiungiamo 700ml di passata di pomodoro, un pizzico di sale, qualche foglia di basilico e cuociamo a fiamma bassa e con il coperchio per circa 20 minuti. Una volta terminato, lo teniamo da parte.


Per preparare gli gnocchi, mettiamo le patate (ancora con la buccia) in una pentola d’acqua fredda e leggermente salata, le portiamo a bollore, e poi una volta tenere le schiacciamo con uno schiacciapatate. Le lavoriamo a caldo, aggiungendo 300g di farina 0, a cui avremo mescolato 1 cucchiaino di sale.


L’impasto degli gnocchi va lavorato solo il tempo necessario per unire tutti gli ingredienti.

Una volta pronto, schiacciamo l’impasto ottenuto sul piano ben infarinato, fino a raggiungere uno spessore di circa 2-3 cm, e poi lo tagliamo in tante strisce. Prendiamo poi una striscia per volta e la facciamo scorrere con le mani fino a ottenere un cilindro lungo e spesso circa 2 centimetri. Lo tagliamo in tanti tocchetti che possiamo lasciare così o rigare con un rigagnocchi o una forchetta. Questi sono i nostri gnocchi: continuiamo con tutto l'impasto fino ad averlo terminato.


Disponiamo gli gnocchi ottenuti su un vassoio ben infarinato, e poi procediamo con la cottura: in una pentola con abbondante acqua salata, come se fossero pasta. Quando salgono a galla li preleviamo con una schiumarola e li versiamo in una ciotola molto capiente, con il nostro sugo. Mano a mano che gli gnocchi vengono a galla, li mescoliamo con questo sugo, fino ad aver terminato la cottura degli gnocchi.


A questo punto ungiamo il fondo di una pirofila per lasagne con olio extravergine.

Aggiungiamo un pochino di sugo, se ci è avanzato, e versiamo un primo strato di gnocchi. Una volta coperto tutto il fondo con gli gnocchi, aggiungiamo del formaggio: nella ricetta tradizionale è mozzarella, io ho scelto un'alternativa vegana. La tagliamo a pezzetti e ne aggiungiamo un po’ sopra al primo strato di gnocchi. Dopodiché li spolveriamo con il finto parmigiano: come si ottiene ques'ultimo? Vi basterà frullare 3 cucchiai di lievito alimentare con una manciata di mandorle e una di anacardi. Ha lo stesso aspetto del parmigiano a vedersi, e secondo me il sapore si avvicina parecchio.

Ora procediamo con un altro strato di gnocchi, e così via fino alla fine. Quando avremo terminato, sarà il momento di mettere la pirofila nel forno, che avremo impostato nel frattempo a 200°C in modalità grill. Lasciamo cuocere per 8-10 minuti, sempre con un occhio attento, per evitare che la superficie si bruci.


Ed ecco qui i nostri gnocchi alla Sorrentina una volta pronti: io li ho decorati con qualche foglia di basilico, che rende sempre le presentazioni al pomodoro più scenografiche, e che arricchirà il loro sapore e il loro profumo.

Ora sarò davvero poco modesta: questo piatto è ottimo. Perfetto per qualsiasi occasione: renderà tutti contenti e soddisfatti, e vi lascerà la voglia di rifarlo presto.


CONSERVAZIONE

Questo piatto si conserva in frigorifero per un paio di giorni, tre al massimo, e vi sconsiglio di congelarlo.




 

 

CUCINA BOTANICA 

cucinabotanica@artisti.show-reel.it

P.IVA IT10657240965

Leggi la PRIVACY POLICY

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon

LINK SOCIAL: